Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
21 luglio 2020 2 21 /07 /luglio /2020 23:35

Su iniziativa della Corporazione dei Patrizi di Mendrisio che hanno donato un contributo al Comune sono state posate nel Parco di Villa Argentina, già lo scorso mese di marzo, poco prima del lockdown, targhette informative delle specie arboree presenti nel Parco. Bella iniziativa!

Tiziano

 

Targhette informative delle specie arboree nel Parco
Targhette informative delle specie arboree nel Parco

Condividi post
Repost0
7 aprile 2017 5 07 /04 /aprile /2017 23:45
   Il Consiglio di Stato ha evaso in data 28 marzo i ricorsi interposti
  contro punti specifici della variante del Piano particolareggiato
   di Villa Argentina.
 
  1. Delle censure sollevate (generali e puntuali) dai ricorrenti, cittadini di Mendrisio e membri del Comitato Parco di Villa Argentina:
    Quattro sono state accolte parzialmente o totalmente:
  • la proposta di estensione della protezione quale bene culturale di interesse cantonale su una vasta porzione della parte alta del parco di Villa Argentina (fondo mapp. 3043: area collinare con muro del belvedere, area pianeggiante retrostante, muri perimetrali):
    questa richiesta ha motivato l’inoltro del ricorso interposto nel 2015; è un punto essenziale e quindi non possiamo che esprimere soddisfazione (anche se avremmo desiderato una protezione completa) cfr. cartina allegata;
  • l’estensione del perimetro di rispetto cantonale a tutela del complesso di Villa Argentina e del Vecchio Ospedale (bene culturale di interesse cantonale), come già chiesto dal Dipartimento ma respinta da Municipio e maggioranza del Consiglio comunale;
  • alcune modifiche puntuali dell’articolo 7 delle Norme di attuazione per il comparto B (parco-giardino attorno alla villa, già tutelato come BC di interesse cantonale) e per il comparto F (l’USI/Accademia dovrà rispettare gli indici e i parametri edilizi previsti, senza godere di eccezioni). Tali modifiche sottomettono alla Legge sui beni culturali qualsiasi intervento nel comparto di Villa Argentina: una garanzia indispensabile per diminuire il più possibile la minaccia di interventi sconsiderati in quest’area di grandissimo valore culturale, artistico e paesaggistico;
 
  • purtroppo il CDS ha respinto la richiesta di togliere la possibilità di edificare nel comparto A1 (area del mapp. 3043 confinante con l’Istituto per minorenni Paolo Torriani): l’Accademia/USI potrà espandersi in quest’area del Parco storico, laddove il Comitato Parco di Villa Argentina proponeva di prevedere l’insediamento di orti comunali e scolastici. Il Governo ha comunque imposto la tutela del muro di cinta del comparto, onde escludere una sua possibile demolizione (come la proposta municipale contemplava)
  • constatiamo con estremo stupore come il Governo abbia totalmente ignorato la presa di posizione degli esperti del Gruppo di lavoro per la conservazione dei giardini storici della sezione svizzera dell’associazione ICOMOS (associazione internazionale di esperti che ha elaborato la Carta dei giardini storici – Carta di Firenze!), prodotta dai ricorrenti quale ulteriore mezzo di approfondimento e valutazione della variante e del valore del Parco storico.
  • La volontà di non confrontarsi con i molti punti sollevati dal parere degli esperti del Gruppo di lavoro per la conservazione dei giardini storici ICOMOS è rivelatrice dell'approccio e della scelta politica del Governo di favorire l'espansione dell’USI/Accademia, malgrado gli esperti dell'ICOMOS avessero consigliato di rinunciare a qualsiasi ulteriore costruzione (dopo quella dell’edificio Canavee 1 che ha condotto alla distruzione di manufatti originali, dei quali la Carta dei giardini storici prevedeva invece la tutela).
  • Il timore di incorrere in una procedura espropriativa del valore di svariati milioni di franchi ha condotto il Governo a questa decisione di "compromesso"; il Municipio ha infatti sempre, ancora in occasione del sopralluogo del 12 gennaio, minacciato di non procedere all’acquisto del mappale 3043 in caso di decisione del Governo di non confermare la zona edificabile A1.
  • Inoltre, il Governo ignora anche l'appello sottoscritto dal prof. arch. Luigi Zangheri, già presidente del Comité international des jardins historiques et paysages culturels ICOMOS-IFLA e docente di Storia del giardino e del paesaggio e di Restauro dei parchi e giardini storici alla Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Firenze; dall'arch. Marco Martella, scrittore, storico dei giardini, Département des Hauts de Seine, dall’arch. del paesaggio FSAP Heiner Rodel, responsabile elenco giardini storici ICOMOS/FSAP Cantone Ticino, dall'arch. Fabio Reinhart, già prof. di architettura ETH Zurich e dal prof. arch. Benedetto Antonini, Vicepresidente Società ticinese per l’arte e la natura (STAN).
  • I ricorrenti si riservano di valutare la possibilità di interporre un ricorso (cautelativo) al Tribunale amministrativo contro la decisione del Governo: tale ricorso sarebbe ritirato non appena la proposta di estensione della protezione quale bene culturale di interesse cantonale su una vasta area della parte alta del parco di Villa Argentina divenisse una decisione formale cresciuta in giudicato. Senza la garanzia della protezione come Bene Culturale d'interesse cantonale i rischi di ulteriori impoverimenti della ricchezza culturale e artistica del comparto persisterebbero.
  • Destano profonda preoccupazione le considerazioni di ordine “paesaggistico” contenute nella decisione governativa; su di esse si tornerà al momento opportuno e in modo approfondito poiché sono in contrasto con la presa di posizione degli esperti del Gruppo di lavoro per la conservazione dei giardini storici ICOMOS e le carte internazionali vigenti in materia.
Tiziano Fontana, Eugenio Zippilli, prof. Flavio Medici, dr. med. Sergio Arma, Giampaolo Baragiola, Claudia Crivelli Barella
  1.  

     

Presa di posizione dei ricorrenti, membri del Comitato Parco di Villa Argentina, alla decisione del Consiglio di Stato
Presa di posizione dei ricorrenti, membri del Comitato Parco di Villa Argentina, alla decisione del Consiglio di Stato
Presa di posizione dei ricorrenti, membri del Comitato Parco di Villa Argentina, alla decisione del Consiglio di Stato
Presa di posizione dei ricorrenti, membri del Comitato Parco di Villa Argentina, alla decisione del Consiglio di Stato
Condividi post
Repost0
17 febbraio 2017 5 17 /02 /febbraio /2017 23:23

Pubblico le osservazioni conclusive che la Società ticinese per l'arte e la natura ha trasmesso al Dipartimento del territorio lo scorso 15 febbraio.

Tiziano

 

Osservazioni conclusive

presentate dalla Società ticinese per l'arte e la natura (STAN), Locarno,

sulla variante del Piano particolareggiato di Villa Argentina

La STAN ha preso atto del verbale di sopralluogo del 12 gennaio e dei due documenti allegati e osserva, nel termine assegnato di trenta giorni dall'intimazione, quanto segue.

 

- In merito allo scritto dei cittadini di Mendrisio membri del "Comitato Parco di Villa Argentina"

 

Si condividono le considerazioni riassunte nello scritto.

La vicenda del Parco di Villa Argentina presenta un elemento che dovrebbe far riflettere profondamente le autorità politiche a livello comunale e soprattutto a livello cantonale: la rivendicazione dei cittadini riuniti nel "Comitato Parco di Villa Argentina" e dei 2'870 cittadini che sottoscrissero nel 2009 la petizione «Un magnifico Parco per un magnifico Borgo» coincide con quella dei massimi esperti internazionali in materia di storia dell'arte dei giardini.

Il prof. Luigi Zangheri, già presidente del Comité international des jardins historiques et paysages culturels ICOMOS-IFLA e già docente di Storia del giardino e del paesaggio e di Restauro dei parchi e giardini storici alla Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Firenze, unitamente ad altri membri di questo Comitato internazionale di esperti, ha sottolineato il valore unico di tale creazione architettonica e paesaggistica (peraltro riconosciuta dal Dipartimento dell'ambiente nel 1985).

 

L'azione dei cittadini di Mendrisio corrisponde appieno allo spirito della Convenzione europea del paesaggio che riconosce un ruolo determinante alla popolazione nella segnalazione e nella salvaguardia del paesaggio culturale nel quale vive. Nel preambolo della stessa si legge infatti: «[…] Desiderando soddisfare gli auspici delle popolazioni di godere di un paesaggio di qualità e di svolgere un ruolo attivo nella sua trasformazione; Persuasi che il paesaggio rappresenta un elemento chiave del benessere individuale e sociale, e che la sua salvaguardia, la sua gestione e la sua pianificazione comportano diritti e responsabilità per ciascun individuo […]». La rivendicazione della popolazione si fonda su una visione culturale e sociale che unisce il passato al presente e che rivendica per questo Parco storico, inscindibile dalla Villa, il ruolo di elemento pregiatissimo per la qualità di vita, indispensabile in un periodo di abbruttimento e banalizzazione territoriale senza precedenti nella storia ticinese.

 

 

- In merito al parere del Gruppo di lavoro per la conservazione dei giardini storici ICOMOS

Innanzitutto, è doveroso ricordare che l'ICOMOS è un'associazione fondata nel 1966 da specialisti attivi nel campo della conservazione e della protezione dei monumenti, degli insiemi urbani e dei luoghi del patrimonio culturale. Per statuto si consacra a promuovere la teoria, la metodologia e la tecnologia applicate alla conservazione e alla messa in valore dei monumenti e dei luoghi. I suoi interventi si fondano sui principi iscritti nella Carta internazionale sulla conservazione e sul restauro dei monumenti e dei luoghi (Carta di Venezia, 1964) e su quelli codificati in diverse altre Carte internazionali, adottate per poter analizzare oggettivamente il valore di un bene culturale: nel caso dei giardini storici questi principi sono codificati nella Carta dei giardini storici.

Nella fattispecie, il parere del Gruppo di lavoro per la conservazione dei giardini storici evidenzia, da una parte, il significato storico e il valore culturale del Parco, dall'altro le conseguenze della modifica pianificatoria oggetto di ricorso.

Condividendo i vari elementi messi in rilievo dagli esperti, ci soffermiamo su un punto centrale che emerge dalla lettura del parere, vale a dire il pericolo di uno svuotamento della sostanza monumentale

 

A partire dagli anni seguenti la vendita della proprietà da parte dell'ultima erede della famiglia Bernasconi si constata l'inizio della costante erosione di elementi costitutivi della sostanza monumentale del bene culturale «Villa Argentina e parco annesso nella sua totalità».

Tale involuzione minaccia la sopravvivenza stessa del bene culturale in quanto tale, tutelato a livello cantonale e nazionale. Infatti, come ha avuto modo di chiarire la Commissione federale dei monumenti storici «i monumenti storici sono determinati dalla loro materia tramandata» e quest'ultima ne determina l'autenticità.

Le possibilità edificatorie previste dalla variante nel comparto A2 condurrebbero all'eliminazione di due elementi essenziali, vale a dire l'incardinamento prospettico e la strutturazione paesaggistica studiati e realizzati dall'arch. Antonio Croci; di conseguenza il parco sarebbe sminuito nella sua «materialità considerata importante dal lato storico, cioè nella sua sostanza».

 

Infatti, come è stato spiegato dettagliatamente nei documenti agli atti[1], Villa Argentina e il suo parco sono inscindibili.

Tanto è vero che nel 1985 il Cantone ha posto sotto tutela l'intera proprietà – «Villa Argentina con i subalterni che fanno parte integrante dell'edificio principale»», fondo mappale 1166 – A villa, B cucina, C bagno, D lavanderia, E veranda, F casa di abitazione, G garage, R padiglione – e «il parco annesso nella sua totalità» coi subalterni v (parco-giardino), w (prato), x (frutteto), y (orto), z (parco-bosco), a1 (corte), b1 (giardino), c1 (strada) e d1 (strada).

Dall'elenco dei subalterni protetti risultano però esclusi altri subalterni: H ripostiglio, I (o J) serra, K serra, L latrina, M rustico, N serra, O rustico, P portico, Q portico, S T e U serbatoi (cfr. Catastrino del geom. Luigi Biasca, 1926).

 

Un primo attacco all'integrità di questo bene culturale fu portato dal Municipio di Mendrisio che chiese al Cantone di togliere parzialmente il vincolo di salvaguardia per favorire l'acquisto della Villa da parte del Comune: il Dipartimento dell'ambiente, su proposta della Commissione cantonale dei monumenti storici, stralciò il 18 dicembre 1989 dal vincolo di monumento storico la parte collinare del Parco, comprendente la struttura del Belvedere con il padiglione (R) [!], il prato (w) con la parte collinare (a confine con l'istituto Torriani per l'infanzia) e l'orto (y), vale a dire la parte pianeggiante retrostante il Belvedere.

Dopo l'acquisto della villa e del suo giardino ornamentale iniziò il degrado dei manufatti e della massa arborea.

La serra al subalterno J fu demolita.

Su richiesta del Municipio, il Cantone approvò in data 14 dicembre 1999 le varianti al PPVA, che prevedevano la possibilità di demolire «alcuni edifici minori (serre) del fmn 1166 corrispondenti ai sub. G, H, K, L, M, N, O e P. La loro demolizione si rende necessaria nel contesto dell'edificazione della nuova sede universitaria per l’Accademia di architettura». I subalterni erano così composti: G (garage, non serra come erroneamente definito dal Consiglio di Stato) protetto nel 1985, H (ripostiglio), K (serra), L (latrina), M (rustico), N (serra), O (rustico), e P (portico). Furono tutti demoliti per lasciare spazio allo stabile accademico.

Tra il 1994 e il 2004 furono rimosse – è sconosciuto l'autore stando all'autorità comunale – le ali laterali a pergolato del Belvedere costituite da una struttura metallica finemente decorata di particolare pregio ed elemento centrale nel disegno del progettista arch. Antonio Croci.

Nella selva castanile il vialetto con selciato di ciottoli di fiume si degrada di anno in anno, tanto da essere destinato, probabilmente, a scomparire nel prossimo futuro.

Tra il censimento del 1993 effettuato dall'arch. del paesaggio Righetti e il rilievo botanico fatto dall'arch. del paesaggio Rodel nel 2004 sono scomparsi 67 delle 141 essenze vegetali (alberi e arbusti di una dimensione importante).

Nel 2008/2009 furono demolite parti dei muri perimetrali ottocenteschi presenti sul fondo mapp. 3043.

I subalterni B, C e D sono da anni in uno stato di abbandono indecoroso.

 

Questi continui interventi sul tessuto storico del Parco con la distruzione di manufatti e aree verdi costituiscono una violazione di tutti i principi basilari della conservazione del patrimonio culturale.

 

Malgrado queste perdite, tutti gli esperti intervenuti riconoscono il grande valore che ha ancora Villa Argentina e il suo Parco dal punto di vista della storia dell'arte dei giardini (capitolo Valore di conservazione del parere dell'ICOMOS, p. 7).

 

Questo valore, debitamente riconosciuto dalle autorità, dovrebbe spingere in questo caso il Cantone a ristabilire la protezione quale bene culturale a tutto il Parco storico e a il PP1 in fase di allestimento da parte della Sezione Sviluppo territoriale che dovrebbe comprendere integralmente il Parco di villa Argentina e tutelarlo integralmente

 

 

Conclusioni

 

Il parere degli esperti della Sezione svizzera dell'ICOMOS così come la presa di posizione del prof. Luigi Zangheri e dei suoi colleghi dovrebbero far comprendere l'unicità di questa creazione architettonica e quindi il suo grande valore quale bene culturale.

Tale consapevolezza dovrebbe spingere le autorità politiche a salvaguardare tale bene e ad acquisirlo al patrimonio culturale cantonale e comunale, restituendolo all'intera comunità nella sua ricchezza artistica e nella sua bellezza paesaggistica, senza nuovi irrimediabili sfregi che lo renderebbero un semplice ornamento banalizzato per rispondere a un bisogno funzionale del campus universitario.

 

Per tutti i motivi sopra esposti la Società ticinese per l'arte e la natura si riconferma nelle richieste contenute nel ricorso e nella replica.

 

 

Con distinti ossequi.

Società ticinese per l’Arte e la Natura (STAN)

Sezione ticinese di Heimatschutz

Il Presidente: Il Vicepresidente:

             Arch. Antonio Pisoni Arch. Benedetto Antonini

 

 

[1] In particolare, il primo ad analizzare secondo i principi e la metodologia della Carta dei giardini storici Villa Argentina e il suo Parco storico è stato l'architetto del paesaggio Niccardo Righetti nei suoi due documenti Considerazioni generali e modalità d’intervento per la conservazione, il ripristino e il rifunzionamento del Parco di Villa Argentina e delle sue adiacenze del 28 ottobre 1991 e Relazione sulla proposta di massima per la sistemazione esterna - Parco di Villa Argentina e del ricovero Torriani dell'ottobre 1993 (seppur forzatamente limitati allo studio di un preciso perimetro come da incarico ricevuto dal Municipio di Mendrisio nel 1991). Precedentemente fu l’arch. Fabio Reinhart ad analizzare il valore dell'intera area nel suo In merito alle possibilità edificatorie e ai modi di edificazione nell’area di Villa Argentina a Mendrisio del 20 settembre 1988 elaborata su mandato del Municipio per permettere l'acquisto della villa.

Osservazioni conclusive della STAN nella procedura ricorsuale
Osservazioni conclusive della STAN nella procedura ricorsuale
Osservazioni conclusive della STAN nella procedura ricorsuale
Osservazioni conclusive della STAN nella procedura ricorsuale
Osservazioni conclusive della STAN nella procedura ricorsuale
Condividi post
Repost0
21 gennaio 2017 6 21 /01 /gennaio /2017 16:08

Pubblico alcune fotografie scattate durante il sopralluogo del 12 gennaio;

i palloncini sono posizionati all'altezza obbligatoria che avrà la facciata dell'edificio o degli edifici del "Campus universitario" (nella procedura di approvazione del PP si parla di necessità dell'Accademia ma ne avranno studiata una nuova, visto che gli atelier l'Accademia li vuole costruire dietro la chiesa di San Francesco) nella parte collinare del Parco storico di Villa Argentina.

Abbiamo posizionato i palloncini lungo la rete che delimita la proprietà privata, poiché per noi era importante dimostrare l'altezza mastodontica che il Municipio e la maggioranza del CC hanno imposto; la facciata è arretrata di qualche metro dalla stradina pedonale, e non direttamente a filo.

La stradina sarà stravolta dall'intervento perché dovrà essere raddoppiata di larghezza per motivi di sicurezza e accessibilità ai mezzi di soccorso.

Potete immaginarvi lo sventramento della collina a quale scempio porterà.

Vedremo con quali argomenti il Cantone approverà (o modificherà) la variante.

Ci vorrebbe un mecenate che acquisti l'area e la ceda al Comune a condizione che non si costruisca: un sogno che s'infrangerà contro la triste realtà dei distruttori del patrimonio storico, culturale e paesaggistico più pregiato.

Tiziano

 

 

Altezza massima obbligatoria della facciata del futuro edificio del "Campus universitario"
Altezza massima obbligatoria della facciata del futuro edificio del "Campus universitario"
Altezza massima obbligatoria della facciata del futuro edificio del "Campus universitario"
Altezza massima obbligatoria della facciata del futuro edificio del "Campus universitario"
Condividi post
Repost0
12 gennaio 2017 4 12 /01 /gennaio /2017 16:54

Sopralluogo 12 gennaio 2017

 

Ricorso Variante PP Villa Argentina - presa di posizione

 

I ricorrenti presenti oggi – anche a nome di Claudia Crivelli Barella, Romano Mastrobattista e Flavio Medici, impossibilitati a partecipare al sopralluogo – si confermano nelle richieste contenute nei punti II.c da 1 a 5 Articoli delle NAPR contestati, II.d Perimetro di rispetto, II.e Mezzi di prova e III. Conclusioni del ricorso nonché della replica.

 

Ribadiamo la richiesta che il Cantone intervenga sulla base dell’art. 20 della LBC e 29, 102 e 105 e segg. della LST affinché modifichi tutti quei contenuti presenti nella variante pianificatoria che minacciano gli eccezionali valori culturali e paesaggistici presenti nel comparto del PP, in particolare:

- della Villa Argentina riconosciuta non solo dal Cantone (bene culturale di interesse cantonale) ma anche dalla Confederazione (bene culturale d’importanza nazionale);

- così come di tutto il parco storico di pertinenza della villa stessa (circa 46'000 mq), che si compone di un giardino ornamentale e di diletto, nella parte pianeggiante attorniante la villa (oggi bene culturale d’interesse cantonale minacciato dall'art. 7 cpv. 3 delle norme d’attuazione proposte), e di una parte collinare e pianeggiante retrostante, agricola, dove furono inserite le strutture architettonico-scenografiche. Villa Argentina e il suo parco costituiscono una creazione architettonica, artistica e paesaggistica inscindibile e unica, che si inserisce nella tradizione plurisecolare dell'architettura di villa, iniziata con le dimore rinascimentali italiane. Questa unicità e questo pregio eccezionale sono stati riconosciuti dagli esperti svizzeri e internazionali.

 

In effetti, gli esperti del Gruppo di lavoro per la conservazione dei giardini storici della sezione svizzera dell’ICOMOS hanno redatto il parere del 30 marzo 2016, trasmesso al Dipartimento del territorio in data 18 aprile 2016, che invita a tutelare tutta l’area del parco storico; alla medesima conclusione sono giunti gli esperti del Comité scientifique international ICOMOS-IFLA des paysages culturels tra i quali i professori Luigi Zangheri e Michel Racine.

Queste richieste coincidono con quelle di 2'870 cittadini che hanno sottoscritto la petizione "Un magnifico Parco per il magnifico Borgo" nel 2009 e con quelle di 140 cittadini che hanno inoltrato osservazioni durante la procedura di pubblicazione della variante pianificatoria.

 

Infine, la variante non soddisfa le principali richieste contenute nell’esame preliminare del Dipartimento del territorio del 25 ottobre 2012, in particolare per quanto attiene al programma di sviluppo dell’Accademia (o del campus universitario).

 

Tiziano Fontana, dr. med. Sergio Arma, Giampaolo Baragiola, Eugenio Zippilli

Sopralluogo di oggi per il ricorso sulla varianteSopralluogo di oggi per il ricorso sulla variante
Condividi post
Repost0
2 dicembre 2016 5 02 /12 /dicembre /2016 16:44
Sul Parco di Villa Argentina abbiamo pubblicato molto ma questo articolo di Tita Carloni, scoperto da poco, è una vera perla.
Vi è un'analisi del rapporto uomo e natura e dell'odierna architettura.
E una valutazione del fuori scala e inopportuno edificio dell'Accademia di architettura inserito in parte anche nel Parco di Villa Argentina.
Tiziano
 
di Tita Carloni
A Mendrisio, presso la scuola del Canavee vive un riccio molto tenero e domestico. Tutte le sere, tra le dieci e mezzo e le undici, puntualissimo, viene a mangiare sotto il balcone della Signora M. che gli dà cereali, biscottini e, una volta la settimana, latte. Sarebbe però meglio dire che sopravvive, unico superstite di una banda che aveva il suo areale terragno da quelle parti insieme con un’altra banda di scoiattoli che, viceversa, se la spassava sulle piante (oggi scomparse) e sulle matasse di edera che ricoprivano antichi muri di cinta. Di tutti quanti è rimasto soltanto il riccio che per recarsi dalla sua ignota tana alla cena quotidiana deve compiere un percorso tortuoso e irto di ostacoli, nascondendosi in una siepe in caso di allarme, attraversando un nuovo grande piazzale di posteggio che a lui deve apparire come una specie di nero e pericolosissimo deserto, scalando faticosamente in salita e in discesa muriccioli e gradini di cemento. Insomma un’impresa ardua, una lotta continua contro i manufatti che gli uomini hanno eretto per loro comodità, dimenticando che non sono i soli a vivere su questo mondo, e togliendo sempre più spazio ai loro consorti animali (consorte viene dal latino e vuol dire «che partecipa alla stessa sorte»).
Ma torniamo al Canavee.
Questi eventi dell’infimo mondo dei ricci sono successi dopo che sui cosiddetti terreni Vanzetta (un avventuriero di passaggio che aveva comprato per speculazione i bei giardini di alcune vecchie proprietà) è sorto un grosso edificio accademico sul cui elegante disegno non si discute ma che quanto a rapporti col territorio, come si dice, non mi pare che eccella.
Intanto il colore: le mattonelle nere di facciata, ottime nella Ruhr, non sono certo in simpatia con la luce mite ed i colori terrosi del Mendrisiotto. E poi il clima: le finestre metalliche a filo di facciata, girevoli su un perno e senza la minima protezione solare, in questi giorni di caldo africano erano una vera consolazione. Sottogronde per le rondini, zero. Fronde ombrose, zero. Per contro spianate di cemento ampie e perfette, posteggi tanti e inesorabili.
L’ultimo riccio superstite (gli altri sono stati schiacciati o sono morti di fame e di sete come i loro amici scoiattoli) appare sempre più, nelle sue notturne peregrinazioni, come un naufrago eroico e disperato. Fin che resisterà.
Se qualcuno mi dovesse accusare di essere soltanto un minuzioso e meditabondo amico degli animali risponderei subito: attenzione, perché gli animali sono tra i primi indicatori della salute di un territorio. Se muoiono loro è sicuramente un brutto segno anche per noi. Presto o tardi non ci scapperemo. Meglio quindi pensarci per tempo, prima di fare la stessa fine.
tratto da AREA, del 5 luglio 2002
   
Il riccio di Canavee (Tita Carloni)
Il riccio di Canavee (Tita Carloni)
Condividi post
Repost0
16 agosto 2016 2 16 /08 /agosto /2016 23:40

Pubblico la seconda parte del parere del Gruppo di lavoro Giardini storici della sezione svizzera dell'ICOMOS sul valore storico-artistico e paesaggistico del Parco di Villa Argentina e sulla variante del Piano particolareggiato di Villa Argentina.

Variante che, ricordo, è stata proposta dal Municipio all'unanimità (3 PPD: Croci Calderari Rossi+ 2 PLR: Maffi Peternier + 1 Insieme a sinistra: Comi + 1 Lega: Robbiani) e approvata dalla maggioranza del CC di Mendrisio; contrari solamente i Verdi.

Questo parere degli esperti conferma la valutazione del Dipartimento dell'ambiente del 1985 - che portò alla tutela integrale di Villa e Parco (46'000 mq), ma solamente dal 1985 al 1989 !! come se un bene culturale lo è a termine ... - e le motivazioni da sempre avanzate dal Comitato Parco di Villa Argentina.

Dopo questa lettura consiglio di fare un passo successivo: andare a leggere i post pubblicati quest'anno e negli scorsi anni nei quali ho riprodotto:

1. le considerazioni del Municipio di Mendrisio sulla parte alta del Parco ("semplice prato privo di valore paesaggistico....") poi smentite qualche anno dopo ma manipolate a dovere per renderle conformi agli appetiti dell'Accademia di Mario Botta

2. quelle culturalmente aberranti dello studio di Martina Voser (arch. del paesaggio e prof. all'Accademia) - Nicola Castelletti sullo sviluppo paesaggistico del Campus universitario.

Confrontate le loro argomentazioni e quanto proposto dall'ICOMOS: un esercizio indispensabile che mostra il vero scontro in atto qui a Mendrisio, tra:

- da una parte Cultura, Storia dell'arte dei giardini e dell'architettura, Principi di tutela e conservazione del Patrionio culturale, difese dal Comitato, dall'ICOMOS e per qualche anno dal Cantone

- e dall'altra Potere / Pseudocultura architettonica (Municipio/Accademia con studio Voser-Castelletti cofinanziato da Municipio e Accademia).

La cultura perde sempre, generalmente. Comunque è nostro compito, qui e ora, denunciare Municipio e Accademia e chiamare coloro che devastano il territorio e distruggono la memoria storica col loro nome: vandali.

Tiziano

B. Presa di posizione in attesa del cambiamento dell'azzonamento del Parco di Villa Argentina, Mendrisio

Motivo

La parte sud-est del parco di Villa Argentina si trova nella zona A (Piano particolareggiato di Villa Argentina PP2, R2 Residenziale estensiva). La petizione Un magnifico Parco per un magnifico Borgo, inoltrata nel 2009 e sottoscritta da 2870 abitanti di Mendrisio, chiedeva una zona di pianificazione (per impedire nuove costruzioni) e la creazione di una zona di svago al posto della zona edificabile A del Piano particolareggiato di Villa Argentina PP2. La petizione è stata accettata in parte dal Municipio, che vorrebbe acquistare la parte sud-est del parco di Villa Argentina e prevede un'edificabilità pari a 3'000 m2 SUL per costruzioni pubbliche, secondo l’affermazione del Comitato Parco di Villa Argentina. Uno studio dell'Accademia di architettura di Mendrisio è a disposizione. Il cambiamento della zona è stato approvato dal Consiglio comunale di Mendrisio e l'incarto adesso è a Bellinzona per l’approvazione da parte del Consiglio di Stato. La STAN (Società ticinese per l'arte e la natura) e membri del Comitato Parco di Villa Argentina hanno presentato nello scorso novembre all'Autorità cantonale un ricorso contro la decisione del Consiglio comunale di Mendrisio per il cambiamento della zona in oggetto. Il Comitato Parco di Villa Argentina si è rivolto a ICOMOS Svizzera chiedendo un parere sul significato storico del parco di Villa Argentina e sulla revisione del piano delle zone nel Parco di Villa Argentina.

Il presente parere è stato adottato dal Gruppo di lavoro ICOMOS per la conservazione dei giardini storici a seguito di un esame delle fonti, della storia e della situazione attuale del parco, dell'istanza per il cambiamento delle zone a disposizione e dopo una visita sul luogo.

La storia della pianificazione

L'intera proprietà di Villa Argentina è stata messa sotto protezione cantonale nel 1985. La giustificazione per la protezione trova fondamento nella rara conservazione integrale della Villa e del Parco come esempio di spazio disegnato del 19° secolo nel Mendrisiotto. Nel 1988 un privato acquistò l’intera proprietà dalla comunità di eredi Bernasconi e vendette la Villa con la parte bassa del parco nel 1989 al Comune di Mendrisio. Nello stesso anno la restante parte non ceduta al Comune di Mendrisio e ancora in possesso del privato fu tolta dalla protezione cantonale. Pochi anni fa è stata eretto, da parte dell'Accademia di architettura di Mendrisio, un nuovo edificio nel Pleasure-ground, allineato con il vecchio muro di recinzione, al posto dei fabbricati rurali di produzione e dell’orto, a suo tempo tutelati. Nel corso di questa nuova costruzione sono state ristrutturate le aree adiacenti del Pleasure-ground nello spirito del nuovo edificio. Da parte dell'Accademia di architettura vi è l’intenzione di utilizzare il Parco di Villa Argentina come Campus e, per mezzo di una nuova costruzione nell'area un tempo coltivata a orti, indirizzare l'uso del parco in questa direzione, a scapito dell'uso del parco da parte della popolazione locale. Il Parco di Villa Argentina è nell'elenco dei giardini e parchi storici svizzeri.

Genesi

Parco e Villa sono stati realizzati attorno al 1876 dall'architetto Antonio Croci (1823-1884) per il committente Giovanni Bernasconi (1830-1899). Giovanni Bernasconi fu uno dei tanti emigranti che lasciarono il Ticino. Egli fece fortuna nel commercio di pelli in Argentina, conseguendo grande successo. Abitando ancora in Argentina, passo dopo passo, acquistò diverse parcelle a Mendrisio con l'intenzione di creare la sua futura residenza. Antonio Croci (1823-1884), nato a Mendrisio, aveva studiato architettura a Milano. Da giovane architetto aveva lavorato probabilmente in Turchia e Russia. Costruì presumibilmente moschee e sinagoghe, collaborò al Castello Valrose a Nizza, costruì la chiesa San Giorgio a Ernen VS, il parco e la Villa Argentina e la sua casa Carlasch a Mendrisio. La sua casa viene descritta come il suo capolavoro per quanto riguarda la poesia e la composizione.

Il parco delle origini e di oggi

La proprietà di Giovanni Bernasconi era composta dalla Villa, da diversi edifici dipendenti (parzialmente ancora esistenti), dal Pleasure-ground, dal vigneto, da due zone adibite a orti, dalla selva castanile e da un altro orto (campo agricolo di produzione propria) visibile nell'immagine aerea del 1945 coperto da alberi (presumibilmente si trattava di un prato con alberi da frutto). Nella parte sud-ovest del parco, un'area boschiva incornicia la vista. Con l'eccezione della nuova costruzione dell'Accademia di architettura degli ultimi anni, costruita a scapito di fabbricati rurali di produzione e dell’orto, la composizione del giardino resta integra. Tipico per un parco di quell'epoca, esistono ancora oggi le parti del giardino che servivano alla produzione agricola per l’uso proprio. Il parco fu creato nello spirito dell'eclettismo e in diversi stili di giardino. Le varie zone del giardino sono state organizzate abilmente e correlate tra loro. Il giardino di produzione e il giardino ornamentale sono stati collegati con strutture ricreative e piccole architetture nel vigneto, nell'orto (campo agricolo di produzione propria) e nella selva castanile. La Villa, il Pleasure-ground, il vigneto e il frutteto così come il muro dell’altro orto sono stati collegati con un asse imponente e ascendente, attrezzate con viste prospettiche, grotte, sentieri, padiglione (belvedere) e pergole. Partendo dalla Villa, l'asse dimostra una successione continua passando attraverso il Pleasure-ground, la volta tipo grotta, il muro del giardino con cancello e il percorso a rampe incrociate attraverso il frutteto e il vigneto. Alla fine del percorso (asse) si trovava il padiglione (Berceau) fiancheggiato da una pergola di una lunghezza di circa 110 m. Nello sfondo finale dell’asse si trova ancora il muro di recinzione e dietro l'orto (campo agricolo di produzione propria) un bosco a ovest completa la vista. Dalla posizione della pergola si gode un'ampia vista sul paesaggio. Una simile assialità è unica nel Cantone Ticino. Circa la metà delle strutture ricreative di quest'asse sono state rimosse durante gli ultimi venti anni. L'asse è ancora evidente nel vigneto e nel frutteto, nei muri di cinta e nel rilievo del terreno. Riferimenti a questa tipologia di assialità si trovano in Lombardia e Toscana. Nella selva castanile si trovano ancora rimanenze di vialetti con selciato di ciottoli di fiume e una fontana dell’allora arredamento del parco. Anche qui si trovano riferimenti nei boschi dei giardini rinascimentali della Toscana. La selva castanile è recintata come bosco e viene utilizzata oggi come parco pubblico. I muri di cinta attorno al vigneto, il frutteto e l'orto e il campo agricolo di produzione propria sono in parte ancora esistenti. La manutenzione di queste aree si limita oggi a tenere i terrazzamenti, le superfici prative e le altre superfici con vegetazione liberi dalla crescita dello strato arbustivo. Il Pleasur-ground presenta un deficit nella manutenzione dovuto a troppe poche ore di lavoro e da non appropriati cambiamenti. Le rimanenti componenti architettoniche del parco sono fortemente trascurate e in parte sono sbarrate per motivi di sicurezza. Le recenti piantagioni nel Pleasur-ground lasciano sperare.

Valore di conservazione

L'intero parco con i suoi giardini, oggi ancora esistenti, è dal punto di vista della conservazione del patrimonio dei giardini storici degno di protezione. Il disegno (concetto) del giardino è di gran pregio dal punto di vista dell’arte dei giardini. I cambiamenti degli stili, l'annodamento del giardino ornamentale con le zone di produzione e l'asse prospettico, che partendo dalla Villa si estende fino al bosco fuori della proprietà, sono stati sapientemente inseriti nella conformazione topografica esistente e allineati all’effetto di profondità del parco. La diversità stilistica e il suo uso conferiscono all'opera una particolare leggerezza. Parco e Villa sono una delle poche testimonianze architettoniche conosciute del talentuoso architetto Antonio Croci. Nel confronto con altri parchi di Ville private nel Ticino della stessa epoca, il Parco di Villa Argentina seduce grazie alla sua estensione odierna, all’ancora leggibile asse del giardino, unico in Ticino, alla molteplicità dei vari giardini e alla conservazione integrale del parco con l'eccezione dell’ultimo forte intervento della nuova costruzione pochi anni orsono. L'intera proprietà è testimonianza dell‘emigrazione ticinese nel 19. secolo. Ad eccezione dell'ultimo intervento architettonico, il parco con la piantagione marginale e con la lungimirante vista è ben integrato nel contesto circostante. Il contesto circostante visibile oltre i muri di cinta non disturba, rispettivamente si completa con i temi nel giardino.

Il Piano Particolareggiato in oggetto

Circa metà del Parco di Villa Argentina – il vigneto, il frutteto e l’orto (campo agricolo di produzione propria) – attualmente nella zona A del Piano Particolareggiato PP2 (R2, Residenziale estensiva) dovrebbe diventare zona A1 (Area recupero parco) e l'area dell'orto zona edificabile A2. Nella zona A2, secondo l'affermazione del Comitato Parco di Villa Argentina, è previsto un'edificabilità di una superficie utile lorda di 3'000 m2 per edifici e impianti pubblici. La prevista costruzione, come già la costruzione per l'Università di fianco al Pleasur-ground di pochi anni fa, viene di nuovo eretta, secondo il piano a disposizione, sul filo di un muro di cinta.

Raccomandazioni

1. L'inserimento del vigneto, del frutteto e dell'orto (campo agricolo di produzione propria) in zona parco pubblico è consigliata. Il parco viene così protetto da future edificazioni.

2. Il cambiamento dell'orto da zona A del PP2 (R2 Residenziale estensiva) in una zona edificabile A2 con una superficie utile lorda di 3‘000 m2 rende possibile la completa distruzione dell’area un tempo adibita a orto. L'unità economica della proprietà perde un altro pezzo. L'accesso alla parcella, con il cambiamento in una zona A2, richiede un ampliamento di una parte dell’attuale passaggio pedonale in una strada di servizio. La disposizione della facciata sud del nuovo edificio parallelo al muro di cinta esistente devasta il muro di cinta confinante col vigneto e col frutteto; le zone limitrofe alla nuova costruzione saranno presumibilmente trasformate nell’interesse della nuova costruzione e nel suo uso odierno. Il vigneto e il frutteto godono oggi anche di una vista libera in ogni direzione e con la nuova costruzione troverebbe di fronte una facciata alta e imponente. La vista sul Monte Generoso sarà ridotta e bloccata da una nuova facciata o cade sul nuovo tetto piano. Il vigneto e il frutteto diventano il giardino della nuova costruzione. L'intero asse del parco viene disturbato dalla nuova situazione trasversale. Si raccomanda di voler rinunciare al cambiamento in una zona A2 (Superficie edificabile).

3. Secondo il valore di conservazione qui sopra riscontrato si giustifica un cambiamento dell'orto (zona A2) in zona A1 (Area recupero parco).

4. È consigliato di rimettere il vigneto, il frutteto, l'orto e l'orto (campo agricolo di produzione propria) compresa la selva castanile sotto tutela monumentale cantonale e di restaurarli e mantenerli secondo i criteri della conservazione dei giardini storici. Il solo mantenimento del Pleasur-ground della Villa Argentina banalizzerebbe massicciamente il giardino che diventerebbe uno tra i tanti esistenti.

5. È consigliato aumentare le ore di lavoro per la manutenzione del Pleasure-ground, per diserbare i sentieri, per sostituire la mancante pavimentazione dei vialetti e mantenere gli elementi d'arredo del parco come anche la creazione della struttura vegetale degna del parco. È consigliato di elaborare un progetto di manutenzione programmata (Parkpflegewerk), di restaurare diversi elementi dell'arredo e guidare la manutenzione con un concetto di cura e di sviluppo.

Per la parte soggetta al cambiamento di zona è anche da elaborare un progetto di manutenzione programmata e un credito per la sistemazione e manutenzione è da prevedere.

Brigitte Frei-Heitz Vorsitzende der ICOMOS-Arbeitsgruppe Gartendenkmalpflege

ICOMOS: la perizia sul Parco degli esperti della sezione svizzera dell'ICOMOS - II parte
Condividi post
Repost0
15 giugno 2016 3 15 /06 /giugno /2016 23:43

Venerdì 3 e sabato 4 giugno la Società ticinese per l'arte e la natura ha organizzato quattro manifestazioni in Ticino, tra le quali:

venerdì sera la conferenza del prof. Luigi Zangheri - già presidente del Comité international des jardins historiques et paysages culturels ICOMOS-IFLA e docente di Storia del giardino e del paesaggio e di Restauro dei parchi e giardini storici alla Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Firenze -, uno dei massimi esperti internazionali di giardini storici, a Lugano;

sabato mattina, in collaborazione con il Comitato Parco di Villa Argentina, la visita guidata al Parco di Villa Argentina sotto la pioggia che ha reso quelle ore trascorse sotto il porticato della nostra - di tutti noi cittadini di Mendrisio - villa Argentina ancora più sentite. Il prof. Zangheri ha detto che è un dovere civile battersi per salvaguardare il Parco di Villa Argentina.

Alla faccia di chi per ignoranza o speculazione o arroganza vuole distruggere quanto le persone colte - architetti, borghesia illuminata, artisti - del passato hanno creato.

Continueremo a batterci.

Tiziano

Anno del Giardino 2016 Anno del Giardino 2016
Anno del Giardino 2016 Anno del Giardino 2016 Anno del Giardino 2016
Condividi post
Repost0
2 settembre 2015 3 02 /09 /settembre /2015 23:11

Pubblico la quarta e ultima parte del rapporto di minoranza bocciato dalla coalizione pipidin-liberal-socialista (questi ultimi per metà dei CC presenti) nella seduta del 13 luglio 2015. Torneremo a breve sugli interventi durante la seduta e analizzeremo i grandiosi argomenti culturali degli esponenti di spicco della "Grande Coalizione": in effetti a Mendrisio dietro le scaramucce van tutti d'accordo nel distruggere il territorio, il più possibile. Il gran banchetto non ha mai fine.

Tiziano

IV Parte.

II.H La proposta pianificatoria definitiva (2014) del Municipio: il fondamento teorico e le possibilità pratiche (potenzialità costruttive)

Nel MM in esame si legge a pagina 5: «Chiarire gli insiemi e le identità dei diversi luoghi, rafforzare il dialogo tra gli edifici e i loro spazi esterni, creare varietà, sono queste le parole chiave dell'azione pianificatoria». Alla luce di quanto scritto nella parte I. Come pianificare un'area «singolarmente connotata per la magnificenza»? possiamo affermare che, sicuramente per la parte del Parco storico di Villa Argentina, l'azione pianificatoria risultante dai lavori svolti da Studi Associati SA e arch. Castelletti-Voser non ha saputo cogliere né l'essenza né il valore culturale di quell'area che, di conseguenza, diviene spazio funzionale e utilitaristico per l'«urbanistica di colonizzazione» denunciata dall'arch. Tita Carloni.

Sulla volontà di acquisire il fmn 3043 – fatto positivo ed essenziale – non si torna poiché pilastro della variante e questione già decisa dal CC nel 2011. Rispetto alla proposta 2012 questa del 2014 ha portato ad alcune importanti modifiche, in particolare con l'eliminazione della zona edificabile prevista sul pianoro dietro al muro del belvedere sul fmn 3043. Su questo fondo il Municipio comunque propone la zona edificabile A2. Le giustificazioni alla zona A2 sono presenti sia nel MM («senza modificare l'assetto del parco storico p. 4; dato il contesto storico è importante valutare la volumetria ammissibile in modo che questa non vada ad alterare l'immagine stessa del parco. Si propone quindi unicamente un comparto che permetta edificazioni di dimensioni contenute là dove, per ragioni di qualità, è sopportabile l'inserimento di nuove edificazioni, con lo scopo di rafforzare la struttura del parco p.4; inserimenti di edificazioni sono soggetti a concorso di architettura (…) gli edifici pubblici si insediano in maniera ordinata attorno al parco, p. 5; la definizione spaziale dei luoghi con recinti e muri è un carattere ricorrente del contesto paesaggistico di Mendrisio e costituisce uno strumento tipologico per la ricostruzione e ridefinizione degli spazi del parco (…) “Valorizzare” presuppone la cura delle strutture e della vegetazione esistenti ancora oggi e l'integrazione di elementi nuovi adatti alla restituzione spaziale del parco p. 6; la variante propone sia di estendere sia di recuperare il parco. L'analisi del parco esistente fatta dall'arch. Righetti (1993) è sempre d'attualità (…) lo studio dell'arch. Rodel (…) Questi sono da integrare con le segnalazioni degli architetti Voser e Castelletti (2013) che indicano ulteriori misure per le aree adiacenti. p. 6); sia nel Rapporto di pianificazione a pagina 19 e seguenti, nelle quali si fa esplicito riferimento allo studio Campus. Ora, senza entrare nel merito di tutte le citazioni è opportuno sottolineare che è impossibile "integrare" gli studi degli architetti Righetti e Rodel con quello degli architetti Voser-Castelletti semplicemente perché partono da premesse opposte, come dettagliatamente spiegato: i primi due si fondano sui principi internazionali di tutela dei giardini storici e sul corpo dottrinale della storia dei giardini; il terzo si basa su una visione urbanistico-architettonica secondo la quale si valorizza il paesaggio costruendovi nuovi edifici (in pratica con quella che l'arch. Tita Carloni ha definito una moderna "colonizzazione").

È necessario soffermarsi su alcuni passaggi del Messaggio municipale; a pagina 7 vi è la giustificazione del potenziale edificatorio per il comparto A2: «4.2 Valutazione del potenziale edificatorio Si sostiene in questa sede l'idoneità del posizionamento del volume edificabile in base alle seguenti motivazioni: - in tale posizione il volume edificato forma un limite definito come segnalato e giustificato dallo studio degli arch. Nicola Castelletti e Martina Voser, in linea con la caratteristica del giardino storico; - il luogo è stato edificato in precedenza; - il volume previsto confina con l'adiacente area edificata; Il volume edificabile, rispetto ai terrazzamenti del parco di Villa Argentina, si colloca sull'edificazione esistente e riprende il contorno del muro esistente, avendo l'estensione e l'altezza analoga ai volumi esistenti e a quello realizzabile nel comparto G e offre solo un accesso pedonale da Via alla Torre per non stravolgere la caratteristica, l'uso e la centralità del parco. Il posizionamento della nuova edificazione rispetto al giardino di Villa Torriani risulta essere più delicato perché racchiude il parco verso sud, creando un fronte quasi urbano, in un'area identificata con la presenza di diversi giardini di sontuose ville. 4.3 Un progetto integrato per i comparti A e B Villa Argentina è un comparto di grande pregio e di alto valore storico e architettonico. La logica del Piano procede per comparti per fissare regole uguali per elementi simili. (…) In tale intorno potranno inserirsi le singole edificazioni, frutto di un concorso pubblico, valutato da una giuria competente che rappresenti tutte le capacità storiche, sociologiche, architettoniche e urbanistiche, atte a garantire un risultato che sia all'altezza della qualità del comparto. 8. Conclusioni Gli approfondimenti e la consultazione hanno permesso di elaborare la presente variante che permette di non modificare l'assetto del parco storico e di liberarlo dalle possibilità edificazione nella parte alta. In secondo luogo si è potuto evidenziare il luogo appropriato all'estremità del parco, per dare le premesse ad un'estensione futura del campus universitario».

Le tre giustificazioni del potenziale edificatorio sono un non-senso pianificatorio:

1. la volumetria concessa non ha nulla a che vedere con quella dell'edificio rurale oggi diroccato; 2. il fatto che l'area adiacente sia edificata dovrebbe imporre, al contrario, di preservare il fmn 3043 da nuove costruzioni;

3. sostenere che quanto proposto con la variante – segnalato e giustificato (!) dagli architetti Voser-Castelletti – «è in linea con la caratteristica del giardino storico» equivale a dire una falsità: un'autorità pubblica può propendere e proporre quanto di suo gradimento ma non può fare affermazioni che sono in contrasto con i principi basilari che si applicano nella fattispecie: la posizione del Municipio – sostenuta dallo studio citato – è in chiaro e assoluto contrasto con la storia dei giardini, la storia dell'architettura, le Carte internazionali riconosciute dall'UNESCO e i Principi per la tutela dei monumenti storici in Svizzera che regolano questa materia. Dopo aver approfonditamente spiegato dal punto di vista della teoria urbanistica e della storia dell'architettura del paesaggio il contrasto della variante con una corretta pianificazione dell'area è necessario analizzare le conseguenze pratiche potenzialmente realizzabili se le norme di attuazione (NAPR) proposte con la variante dovessero entrare in vigore. Per comprendere le possibilità edificatorie che la proposta del Municipio lascia sul comparto A2 abbiamo fatto elaborare le seguenti simulazioni che si fondano sui dati contenuti nei documenti ufficiali del Messaggio municipale e sulle Sezioni trasversali allegate allo stesso. La prima simulazione è una sezione trasversale che si fonda sull'altezza massima obbligatoria: l'altezza è prescritta, vale a dire, come è specificato nell'art. 5 della NAPR, «rappresenta i punti lungo i quali deve obbligatoriamente concludersi, in altezza, la parte più alta dell'edificio». Bisogna immaginarsi l'impatto che la facciata e la parete laterale avranno dal punto di vista paesaggistico. Inoltre, è evidente che, data la morfologia del terreno, sarà necessario uno sbancamento assai rilevante che avrà conseguenze sull'impatto paesaggistico complessivo e che condurrà a una modifica dei terrazzamenti o, per lo meno, di una fascia piuttosto larga attorno allo/agli stabile/i. Si deve anche considerare che le linee di costruzione si sovrappongono al muro ottocentesco (parzialmente distrutto dagli attuali proprietari durante i lavori di pulizia a cavallo del 2008-2009) che sale fino al muro del belvedere. Alla domanda posta in Commissione circa il possibile abbattimento del muro storico di confine il Municipio ha risposto nel modo seguente: «Il progetto definitivo dell'ampliamento del Campus definirà se il muro potrà essere mantenuto o no. Tale possibilità è contemplata nella variante in quanto si vuole dare la possibilità di edificare ai margini del comparto». Ciò avverrà poiché, stando a quanto "teorizzato" nello studio degli architetti Castelletti-Voser e ripreso nel Rapporto di pianificazione, un edificio moderno costituisce una valida valorizzazione spaziale di un parco storico … (!). Infine, per garantire l'accesso ai mezzi previsti dalla legge – pompieri e ambulanze – sarà necessario creare una strada di almeno tre metri di larghezza: si imporranno mutamenti di sostanza all'immagine di quella parte di Parco. Qui sotto riproduciamo la volumetria possibile usando i parametri pianificatori concessi con la variante. Fotomontaggio usando il volume massimo ammesso dalle norme di attuazione del PP È evidente il contrasto con l'incardinamento prospettico voluto dall'arch. Antonio Croci e quindi emerge con chiarezza l'incultura che orienta la volontà di lasciare edificare il comparto A.

II.I I lavori commissionali: due approfondimenti

Mi soffermo solo su due questioni per me rilevanti che denotano un certo modo di affrontare i temi di pertinenza della Commissione.

1. La Relazione dell'arch. Fabio Reinhart

Il Municipio cita a più riprese negli atti pianificatori la relazione "In merito alle possibilità edificatorie e ai modi di edificazione nell’area di Villa Argentina a Mendrisio" del 20 settembre 1988 elaborata dall'arch. Fabio Reinhart su mandato del Municipio di Mendrisio. Nel MM 83/2011 si sostiene che «le nuove norme dovranno tenere in debita considerazione gli studi specialistici già effettuati dall’Arch. Fabio Reinhart in merito alle possibilità e ai modi di edificazione dell’area di Villa Argentina con interventi architettonici arricchenti l’area nel suo insieme». L'arch. Fabio Reinhart, già prof. di architettura al Politecnico federale di Zurigo, è considerato – a giusto titolo – dal Municipio il massimo esperto dell'opera dell'arch. Antonio Croci e, pertanto, per verificare quanto affermato dal pianificatore comunale e dall'Esecutivo ho chiesto alla Commissione di organizzare un'audizione con l'arch. Fabio Reinhart: la stragrande maggioranza dei commissari si è opposta. Di conseguenza ho proceduto personalmente agli indispensabili approfondimenti architettonici e pianificatori incontrando l'arch. Reinhart. Leggendo la Relazione e gli studi dedicati all'arch. Antonio Croci si comprende come l'autorità comunale abbia usato, per giustificare le sue scelte, stralci "selezionati" degli scritti dell'arch. Reinhart, snaturandone però il suo pensiero.

Del resto, il Piano particolareggiato oggi in vigore non è rispettoso di quanto suggerito dall'arch. Reinhart nella sua Relazione.

Ne riassumo alcuni punti poiché aiutano a comprendere aspetti rilevanti. Quando l'arch. Reinhart ricevette il mandato da parte del municipio di Mendrisio, rispettivamente consegnò la relazione, Villa Argentina e il suo parco erano di proprietà di Mario Giudici (dal 17.3.1988). Lo scopo della sua relazione è precisato a pagina 1: «La presente relazione espone i risultati di una analisi che ha come obiettivo quello di individuare questi problemi [urbanistici, pianificatori, architettonici], fornire una base disciplinare indispensabile alla trattativa d’acquisto e infine una strategia progettuale adeguata. In particolare risponde al problema più urgente: dove, quanto e come edificare». Alla fine degli anni Ottanta l'arch. Reinhart fu incaricato di fare una valutazione e trovare una soluzione pratica per favorire l'acquisto della Villa e permettere uno scambio col proprietario Giudici concentrando le possibilità edificatorie in una parte specifica del comparto. L'arch. Reinhart comprese che il valore culturale del Parco e consigliò al sindaco di Mendrisio, avv. Pierluigi Rossi, di assegnare un mandato specifico all'arch. Niccardo Righetti per approfondire il valore storico-artistico e botanico (il cui lavoro sfociò in due rapporti, quello preliminare e quello definitivo).

È significativo constatare come le conclusioni cui giunse l’arch. Reinhart nella sua relazione siano una conferma della valutazione eseguita dall'Ufficio monumenti storici (UMS) o, rispettivamente, come le sue intuizioni siano state confermate dallo studio approfondito dell'arch. Righetti; in particolare per un paio di aspetti. Analizzando il valore di Villa Argentina, l'arch. Reinhart scrive che essa è «adagiata in un ampio parco che si inerpica fin sulle pendici del monte retrostante (…)» [Reinhart e Reichlin, Antonio Croci, architetto (1823-1884), I nostri monumenti, XXIII, 1972, p. 214]: egli, sulla base della tipologia dei giardini e parchi storici rinascimentali o di quelli ottocenteschi che a essi si ispiravano, ha ritenuto che l'estensione del parco corrispondesse a tutto il comparto, come fece anche l’UMS. Del resto se si legge la relazione si comprende facilmente che l'arch. Reinhart è particolarmente attento al rapporto esistente tra l'intera composizione e lo scenario circostante, esattamente quello che fecero per secoli gli architetti che progettarono ville e parchi, dal Rinascimento in poi: questa attenzione nasce da una cultura e da una sensibilità che oggi mancano ai più (causa prima delle continue distruzioni del patrimonio culturale alle quali assistiamo).

L'arch. Reinhart per cercare di inserire nel modo meno invasivo possibile gli edifici concepì le testate degli edifici “raccogliendo la lezione architettonica” di Antonio Croci: esse “(…) saranno anche in grado di arricchire l’insieme del parco grazie al carattere scenografico, quasi onirico, della loro architettura e della loro posizione. Quasi fossero “maschere” architettoniche levitanti al di sopra della pergola che chiude il giardino, questi edifici rimandano, come detto, alla nobile tradizione dei parchi, trasformando quello di Villa Argentina in un suggestivo “teatro” o “museo” dell’architettura di Antonio Croci” .

La proposta dell'arch. Reinhart si inseriva, con un'interpretazione moderna, nella tipologia rinascimentale-barocca dei giardini. Questo aspetto lo troveremo confermato nello studio dell'arch. Righetti. Pertanto giustificare, come pretende il Municipio e il pianificatore comunale, le possibilità edificatorie nel comparto A2 fondandosi sulla Relazione dell'arch. Reinhart è scorretto. Per pianificare tutta l'area l'arch. Reinhart ha presentato proposte coerenti e legate indissolubilmente le une alle altre: se fosse venuto meno il rispetto di una sola proposta evidentemente sarebbe caduto tutto il rigoroso quadro teorico e le altre coerenti soluzioni pratiche proposte, enunciate nelle prime pagine della sua relazione («Premesse teoriche» pagine 2-4 e «Criteri generali» pagine 5-7). Le principali proposte pratiche sono: le testate dei 5 palazzi e 1/3 di palazzo sul pianoro; il mantenimento di alcuni alberi secolari sul pianoro; i parametri edificatori del comparto E (p. 10).

Tutte queste proposte sono state sistematicamente dimenticate dal municipio di Mendrisio quando è stato elaborato il Piano particolareggiato (e nelle successive modifiche). Pertanto la relazione dell'arch. Reinhart è stata tradita sia nelle «premesse teoriche e motivazioni generali» che nell’impostazione pratica «proposta progettuale».

Vediamo come sono state "dimenticate" le proposte dell'arch. Reinhart: - per mantenere due alberi secolari (cfr. tavola II e VI allegate alla relazione) l'arch. Reinhart proponeva l'edificazione di 5 palazzi + 1/3 di palazzo: mentre il Piano particolareggiato di Villa Argentina (PPVA) ne permette 6 e gli alberi secolari sono stati abbattuti nell’inverno 2007/primavera 2008; - le testate degli edifici sul pianoro avrebbero dovuto rispettare il quadro teorico di Reinhart, che scrive: «Ritenuta fondamentale la salvaguardia del parco perché parte integrante della architettura della Villa, si pone il problema di come intervenire nella zona soprastante il parco. L'idea fondamentale è quella di fare riferimento esplicito all’architettura di Antonio Croci, non tanto e non necessariamente riprendendone gli stilemi, quanto piuttosto raccogliendone la lezione architettonica. L'intervento posto a monte del parco fornisce una risposta valida a entrambi i problemi. In questo modo il parco non solo sarà salvaguardato, ma si arricchirà di una architettura coerente e in linea con la tradizione dei giardini e dei parchi europei e capace oltretutto di stabilire un rapporto adeguato con l’opera di Croci. Il rifiuto dell’unità stilistica rappresenta quindi una reale possibilità di interpretazione dell’architettura di questo “diletto figlio di Mendrisio” e del suo insegnamento rispondendo inoltre in maniera precisa al problema della ridefinizione del parco. Le testate degli edifici proposti sul pianoro affermano la loro presenza rifiutando ogni tipo di mimetismo o di occultamento. Ma saranno anche in grado di arricchire l'insieme del parco grazie al carattere scenografico, quasi onirico, della loro architettura e della loro posizione. Quasi fossero “maschere” architettoniche levitanti al di sopra della pergola che chiude il giardino, questi edifici rimandano, come detto, alla nobile tradizione dei parchi, trasformando quello di Villa Argentina in un suggestivo “teatro” o “museo” dell’architettura di Antonio Croci” . Per capire meglio quanto esposto dall'arch. Reinhart bisogna guardare i piani allegati alla sua relazione (tavole II – VIII). L'idea di imporre delle testate concepite secondo quella precisa indicazione è stata totalmente lasciata cadere nel PPVA, che di fatto stravolge tutto il quadro teorico e quindi la ragione profonda dell'edificabilità del pianoro.

- Le possibilità edificatorie nella parte vicina alla Villa, definito comparto E nella Relazione, sono un ulteriore esempio dello stravolgimento operato dal PPVA; l'arch. Reinhart scrive: «La giacitura degli edifici progettati è dovuta in primo luogo alla volontà di costruire nel modo meno incombente verso il parco della Villa. Rispetto all’area del parco gli edifici saranno visibili soltanto di scorcio analogamente a quanto proposto per il pianoro superiore. Inoltre, in questo caso specifico, il progetto è chiamato a risolvere un nodo nevralgico dell'intera area, e cioè il passaggio della edificazione bassa nei pressi della villa a quella più alta sul lato opposto di viale Canavée» (pagina 10). Nella realtà non si è tenuto conto di questa proposta ed è sorto lo stabile dell'Accademia che non può essere considerato frutto della «volontà di costruire nel modo meno incombente verso il parco della Villa». Oltretutto sono stati tagliati alcuni alberi secolari, tra cui la maestosa Picea abies pendula major, per dare la vista sul Monte Generoso. Questi sono alcuni fra gli elementi che confermano quanto la relazione dell'arch. Reinhart non sia stata recepita né teoricamente né praticamente dal PPVA in vigore: le citazioni della Relazione presenti nel Rapporto preliminare municipale del 2011 e negli atti seguenti risultano pertanto non corrette. È comunque importante leggere tutta la relazione dell'arch. Reinhart per farsi l'idea precisa dello studio articolato e coerente che unisce teoria e progetto pratico (entrambi non rispettati dal PPVA e dalle varianti) in un'unità d’intenti che nasce dall'unità paesaggistica e culturale del comparto di Villa Argentina. Interrogato dalla Commissione delle opere pubbliche nel 2014 circa la sua posizione odierna l'arch. Reinhart ha detto che è favorevole alla conservazione integrale del Parco senza possibilità edificatorie. Evidentemente oggi le condizioni sono fondamentalmente cambiate e la necessità di aumentare gli indici edificatori concentrandoli in una determinata area così da permettere l'acquisto di Villa Argentina – questo era l'essenza del mandato ricevuto dall'arch. Reinhart – non sussiste più. Pertanto l'area corrispondente al fmn 3043 non deve più soggiacere a una visione utilitaristica – merce di scambio – ma deve essere riconosciuta per il suo inestimabile valore storico-artistico e paesaggistico.

2. Il Dipartimento del territorio

Ho chiesto di chiamare in audizione i responsabili del Dipartimento del territorio per chiarire diversi punti del loro Rapporto preliminare assai complesso e articolato. Il Dipartimento ha accettato che la Commissione rivolgesse domande per iscritto e ha preso posizione in data 27 aprile 2015. Dalle risposte emergono diversi elementi chiarificatori, alcuni sostanzialmente contrari a proposte puntuali avanzate dal Municipio; cito stralci delle tre principali posizioni dipartimentali: «i principi cantonali adottati per il restauro di parchi e giardini storici nel nostro Cantone sono quelli enunciati nella Carta dei giardini storici detta "Carta di Firenze" del 21 maggio 1981. Essa è elaborata dal Comitato internazionale dei giardini storici ICOMOS-IFLA, peraltro menzionata nel documento Principi per la tutela dei monumenti storici edita dalla Commissione federale dei monumenti storici nel 2007» (pagina 1), «il Dipartimento ha espressamente chiesto al Municipio di modificare il perimetro nei sensi esposti e non si è limitato a formulare un suggerimento» (pagina 3) e «il Comune non ha solo la facoltà, ma anche l'obbligo di attuare, con il Piano regolatore, una vera ed efficace protezione delle costruzioni di importanza storico-architettonica» (pagina 4). Accogliamo e inseriamo nelle proposte di emendamento tali suggerimenti poiché rispecchiano la nostra volontà di avere un approccio globale per l'area da salvaguardare nelle sue caratteristiche architettoniche e urbanistiche.

II.L EMENDAMENTI PROPOSTI PER LE NAPR:

Dalle argomentazioni precedenti discende la proposta dei seguenti emendamenti: [...] per questo capitolo invito a vedere il rapporto sul sito internet del Comune poiché sono differenziati in colore

II.M Conclusioni

Grazie all'approvazione degli emendamenti proposti in questo rapporto la variante pianificatoria in esame potrà rispondere correttamente ai principi internazionali riconosciuti e applicati per aree urbanisticamente e paesaggisticamente di valore così elevato e in particolare per i parchi storici. Nel contempo le basi legali fondate sulla Carta dei giardini storici e sui Principi per la tutela dei monumenti storici permetteranno di valorizzare il Parco di Villa Argentina salvaguardando il suo elevato valore storico-artistico e garantendone nel contempo un uso moderno. In tal modo il Consiglio comunale risponderà alla richiesta di 2'870 cittadini di Mendrisio che desiderano che il Parco di Villa Argentina sia ricostituito e messo a disposizione della cittadinanza quale area verde pregiata di svago, come richiesto dalla petizione Un magnifico Parco per il Magnifico Borgo.

Tiziano Fontana, capogruppo I VERDI

INDICE I Come pianificare un'area «singolarmente connotata per la magnificenza»? p. 1 I.A La tutela del Cantone: decisa nel 1985 e tolta parzialmente nel 1989 p. 4 I.A.1 Motivi e portata della tutela legale da parte del Cantone p. 4 I.A.2 La rinuncia alla tutela della parte alta del parco: una questione di convenienza p. 4 I.B Villa Argentina e il suo Parco: un esempio sapiente nel solco di una tradizione secolare p. 5 I.B.1 La tradizione rinascimentale p. 5 I.B.2 Il legame tra Villa Argentina, parco e intorno naturale p. 7 II. La variante pianificatoria del PP di Villa Argentina p. 10 II.A La richiesta della popolazione tramite la petizione «Un Magnifico Parco per il Magnifico Borgo» e la mozione del 2009»; la presa di posizione del Municipio p. 10 II.B Il mandato approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 5 settembre 2011 e il mancato rispetto da parte del Municipio p. 13 II.C Il mandato attribuito dal Municipio al pianificatore comunale Studi Associati SA p. 13 II.D La prima proposta pianificatoria (maggio 2012) del Municipio p. 14 II.E L'esame preliminare del Dipartimento del territorio p. 16 II.F La pubblicazione della variante 2012 e le osservazioni dei cittadini p. 18 II.G Lo Studio «Campus di Mendrisio. Nuove strategie per il futuro sviluppo paesaggistico del Campus dell’Accademia di architettura» p. 18 II.H La proposta pianificatoria definitiva (2014) del Municipio p. 21 II.I lavori commissionali: due approfondimenti p. 25 II.I.1 La Relazione dell'arch. Fabio Reinhart p. 25 II.I.2 Il Dipartimento del territorio p. 29 II.L Emendamenti p. 29 II.M Conclusioni p. 32

Rapporto di minoranza Variante PP Villa Argentina - IV Parte
Condividi post
Repost0
17 agosto 2015 1 17 /08 /agosto /2015 22:51
Rapporto di minoranza - III° parte

Proseguo con la pubblicazione della III° parte del Rapporto di minoranza sul MM della variante del Piano particolareggiato di Villa Argentina.

Per le immagini, che per motivi tecnici non posso riprodurre qui, rimando alla versione che potete trovare sul sito del Comune di Mendrisio.

Tiziano

II.D La prima proposta pianificatoria (maggio 2012) del Municipio

Di questa proposta ci preme sottolineare solo alcuni aspetti rivelatori della visione municipale, già analizzata nelle pagine 10-11.

Come si evince dal piano riprodotto l'Esecutivo intendeva mantenere il potenziale edificatorio pari a 7'250 mq di SUL, da svilupparsi all'interno di un settore edificabile delimitato, più precisamente sul pianoro che si sviluppa nella parte alta del fondo mappale 3043, con la possibilità di trasferire parzialmente gli indici dal comparto A ai comparti C2, E, F e G nella misura massima del 50%.

Inoltre era prevista una nuova struttura – atelier di 3'000 mq di SUL richiesta dall'USI a fianco del palazzo Canavée con un'altezza massima per la struttura pari a 27 metri.

In terzo luogo l'area definita "Recupero del Parco" era ridotta alla porzione del terreno collinare costituito dai terrazzamenti posti al di sotto del muro del belvedere.

Il Rapporto di pianificazione redatto dalla Studi Associati SA risultava così generico e privo di serie giustificazioni e motivazioni circa i nuovi indirizzi per buona parte dei comparti da risultare irrispettoso delle esigenze imposte dalla legislazione pianificatoria vigente, segnatamente per quanto attiene ai piani particolareggiati.

Lo studio MAVO-Castelletti, che avrebbe dovuto colmare le insufficienze riscontrate dal Dipartimento del territorio, non fornisce le informazioni richieste dall'Autorità cantonale (!).

Sia il potenziale edificatorio, sia l'altezza di 27 m della torre per lo stabile dell'Accademia (in contrasto con le indicazioni contenute nello Studio dell'arch. Fabio Reinhart del 1988 – citato in modo parziale dal Municipio in più occasioni –), sia l'area definita "Recupero del Parco" sono un'ulteriore dimostrazione della mancata volontà di considerare il Parco nella sua valenza ed estensione storica secondo il progetto dell'arch. Croci.

Questi elementi denotano l'incultura urbanistica della variante.

II.E L'esame preliminare del Dipartimento del territorio

L'esame preliminare del Dipartimento del territorio (DT) ha evidenziato lacune pianificatorie da correggere e invitato il Comune a prendere alcune decisioni; mi limito alle principali.

Il DT riassume gli intendimenti pianificatori del Municipio nelle sue considerazioni generali: «L'obiettivo prioritario della variante in esame è quello di sostenere la strategia di sviluppo del Campus universitario di Mendrisio […] La volontà manifestata dall'ente pianificante è quella di modificare il Piano in maniera tale da estendere la destinazione pubblica del comparto nella sua parte alta, consentendo in primis lo sviluppo del Campus universitario a lungo termine e favorendo la fruizione pubblica di quest'area di pregio» (p. 2).

L'analisi dipartimentale evidenzia anche la «logica di carattere economico» (p. 5) che sorregge la volontà di confermare il potenziale edificatorio del comparto A; impone la necessità di giustificare e quantificare vincoli, destinazioni d'uso e potenzialità edificatorie dei comparti del PP. Inoltre, il Dipartimento del territorio «chiede al Comune (…) il completamento dell'elenco dei beni tutelati sul piano locale, come pure l'estensione del perimetro di rispetto per il Complesso di Villa Argentina e del vecchio Ospedale» alla necessità di adeguare il piano particolareggiato per quanto attiene ai beni culturali – ville site sui fmn 1169, 1170 e 1171 –, alla modifica dell'art. 64 delle norme di attuazione e al perimetro di rispetto relativo al complesso di Villa Argentina e del vecchio Ospedale: tale perimetro è un'ulteriore conferma che Mendrisio possiede un «comparto singolarmente connotato per la magnificenza» (pagina 9).

L'estensione del perimetro di rispetto, logica e rispondente ai criteri e principi di tutela dei beni culturali, così come l'inserimento delle ville ottocentesche nella lista dei beni culturali locali sono elementi essenziali di una vera pianificazione attenta alle caratteristiche urbanistiche di fine Ottocento del comparto messe in evidenza dagli specialisti dell'ISOS e pertanto devono essere recepite nella variante.

II.F La pubblicazione della variante 2012 e le osservazioni dei cittadini

Durante il periodo di pubblicazione della variante 2012 del Piano particolareggiato di Villa Argentina. 147 cittadini hanno presentato le osservazioni: 140 cittadini (comprese tre associazioni: Comitato Parco di Villa Argentina, Società ticinese per l'arte e la natura, Cittadini per il territorio) hanno preso posizione contro le possibilità edificatorie sul fondo mappale 3043 (limitandole al massimo ad attrezzature al servizio del Parco); solo tre i favorevoli alla proposta di variante (cfr. risposta 31 marzo 2014 del Capodicastero Calderari all'interpellanza 12 marzo 2014).

Nella storia politica di Mendrisio riteniamo che una simile partecipazione costituisca un dato eccezionale che avrebbe meritato di essere totalmente condiviso da parte del Municipio.

II.G Lo Studio «Campus di Mendrisio. Nuove strategie per il futuro sviluppo paesaggistico del Campus dell'Accademia di architettura»

Tale studio è stato fatto allestire congiuntamente dal Municipio di Mendrisio (la quota parte pagata dal Comune di Mendrisio corrisponde a 30'000 franchi - IVA inclusa -, cfr. risoluzione Municipio 11127 del 20.3.2013) e dall'Accademia di Architettura.

Gli autori sono la professoressa dell'Accademia arch. Martina Voser e l'arch. Castelletti.

Il Messaggio municipale 49/2014 contiene alcuni paragrafi copiati da questo Studio (inizio capitolo 3.2 Strategie per il parco) e l'ispirazione di fondo delle concezioni pianificatorie più devastanti per il valore storico-artistico e paesistico del comparto.

In tale Studio si trovano elementi molto pericolosi per la salvaguardia del Parco storico poiché sono in totale opposizione alla Carta dei giardini storici ICOMOS e a una disciplina urbanistica rispettosa del patrimonio storico-artistico.

Per questi motivi lo studio impone un'analisi più dettagliata. Si citano alcuni passaggi rilevanti. Le parti sottolineate uniscono elementi interessanti che condividiamo (ma rimangono come semplici enunciati e non esplicano conseguenze positive e logiche) e parti che mostrano l'incapacità di accostarsi con rispetto alla pianificazione di un comparto connotato per la sua magnificenza. (Pagina 2)

1. Introduzione Scopo della presente ricerca: -. individuare possibili modalità di sviluppo del Campus AAM-USI, partendo dalla sue proprie peculiari caratteristiche e necessità, condividendo le scelte con la Città di Mendrisio; - individuare e rilevare l'esprit du lieu, ovvero lo specifico del luoghi delle aree prese in esame Modalità e metodologia: - Lettura fisica dei luoghi al fine di individuare «strutture» che sottendono alla loro complessità spaziale; - formulazione delle domande a cui riferirsi per poter in seguito rispondere con ipotesi verificabili a diversi livelli: 1. istanze non tanto di carattere paesaggistico quanto piuttosto di tipo urbanistico; 2. Istanze non solo in merito al posizionamento di una possibile espansione del Campus AAM-USI ma anche riferite al miglioramento dei suoi possibili accessi - analisi delle difficoltà proprie del sito dell'AAM-USI inserito in un preciso contesto storico la cui struttura deve convivere con le esigenze di carattere logistico dell'Accademia; (pagina 13)

2. Il luogo

2.5 Parco e Villa Argentina (…) Le componenti a monte, in cui venivano praticati l'agricoltura e l'allevamento, erano parte del disegno proprio del parco volto a integrarsi nel paesaggio circostante. I muri di sostegno e i recinti definiscono in modo chiaro i comparti e il margine del parco. (pagina 15)

2.6 Relazioni con il contesto paesaggistico: sguardi e vedute Malgrado l'aumento della densità degli edifici nel paesaggio del fondovalle e nelle immediate vicinanze del nucleo, si sono conservati i rapporti visivi con la topografia e il paesaggio circostante. Alcuni luoghi attorno al Campus AAM-USI si trovano in posizione privilegiata e vengono valorizzati da questa caratteristica resa meno frequente dallo sviluppo edilizio. (pagina 17)

2. Il Luogo – Le necessità

2.7 Piano regolatore per il comparto di Villa Argentina [vedere la mappa a pagina 14] La variante del maggio 2012 propone di destinare il comparto A (area rossa) ad attrezzature ed edifici pubblici e il recupero dei comparti del parco sottostanti (comparto B e area tratteggiata blu). L’ulteriore definizione di una strategia permette di salvaguardare la relazione con la collina e di valorizzare tutti i comparti dell’estensione originaria del parco in relazione allo sviluppo della città e del Campus AAM-USI. Il comparto A permette attualmente un insediamento residenziale che distrugge la parte superiore del parco e la relazione con la collina. Una modifica del Piano regolatore in Zona per attrezzature e edifici pubblici (AEP) permetterebbe la valorizzazione di tutti i comparti del parco e la relazione con la collina.

2.8 – Nuovi assetti e pianificazione degli interventi necessari per la crescita del Campus AAM-USI Il numero di iscritti presso l'Accademia di architettura è attualmente di 712 studenti e si stima una futura possibile crescita fino a raggiungere un tetto massimo di 750 studenti. (pagina 26)

3. Possibili posizionamenti 3.3. Verifica delle ipotesi di posizionamento

Lo sviluppo del Campus AAM-USI consolida la struttura paesaggistica preponderante basata su recinti. (pagina 27)

3.4 – Strategia generale

La strategia per lo sviluppo paesaggistico dell'Accademia definisce i posizionamenti che, rispettando (!) l'identità del parco di Villa Argentina, chiariscono i rapporti e le funzioni tra gli edifici e i dintorni, garantendo nel contempo i collegamenti con la struttura esistente della scuola e con la città. Riteniamo che, nel parco di Villa Argentina, la presenza di due edifici lungo i bordi destro e sinistro della parte a monte valorizzi (!) la definizione dello spazio del parco stesso. (pagina 28)

4.1 – Ridefinire il parco in tutte le sue componenti

L’attuale estensione del parco risulta orfana dei terreni a monte a causa dell’abbandono delle attività agricole a cui erano destinati. (!!) La necessità di crescita del campus universitario offre l’opportunità di riconquistare l’estensione originale ricollegando le superfici a monte con la villa definendo contemporaneamente la direzione dello sviluppo del campus universitario stesso (pagina 29)

4. Strategie 4.2 Recinti, muri e terrazzamenti: identità di un territorio La definizione spaziale dei luoghi con recinti e muri è un carattere ricorrente del contesto paesaggistico di Mendrisio e costituisce uno strumento tipologico per la ricostruzione e ridefinizione degli spazi del parco e dell’intero Campus AAM-USI

In merito alle citazioni sopra riportate è necessario osservare succintamente che:

1. la metodologia/modalità scelta denota un limite culturale che caratterizza tutto lo studio poiché la scissione tra "istanze di carattere paesaggistico" e "istanze di tipo urbanistico" sono un non-senso pianificatorio come insegna – tra i molti altri – il prof. Salvatore Settis, ospite nell'anno accademico 2014-2015 dell'Accademia di architettura. Anche l'affermazione secondo cui "un preciso contesto storico la cui struttura deve convivere con le esigenze di carattere logistico dell'Accademia" andrebbe ribaltata se si comprende il valore storico-artistico e culturale del luogo particolarissimo che è il comparto di villa Argentina: semmai le esigenze logistiche universitarie devono sottomettersi alle esigenze di rispetto della sostanza del patrimonio storico e paesistico del luogo.

2. Che il semplice passaggio da ZE privata a zona AP/EP proposto dalla variante 2012 permetta di valorizzare i comparti e di salvaguardare la relazione con la collina è un puro esercizio retorico perché la valorizzazione dipende dalla modalità con la quale è fatta e dal suo contenuto.

3. Sostenere (3.4 Strategia generale) che la presenza di due edifici lungo i bordi destro e sinistro valorizzi la definizione dello spazio del parco significa non comprendere la strutturazione spaziale e l'incardinamento prospettico di tipo rinascimentale che l'arch. Croci ha progettato e realizzato nel Parco di Villa Argentina.

4. L'affermazione secondo cui "la definizione spaziale dei luoghi con recinti e muri costituisce uno strumento tipologico per la ricostruzione e ridefinizione degli spazi" è allarmante visto l'esito concreto che ha: confondere muri ottocenteschi in sasso come quelli che delimitano parte del Parco aventi un'altezza massima di qualche metro con muri di almeno 10 metri di un edificio moderno con relativa volumetria è un'operazione intellettuale che suona come una presa in giro del buon senso, della storia dell'architettura, dell'urbanistica e della storia dell'arte dei giardini.

5. Infine l'esempio di definizione degli spazi del Campus riportato a pagina 32 dello studio rafforza tutte le critiche sopraelencate: il parco storico di Villa Argentina è un semplice spazio a disposizione dell'Accademia per la sua espansione. Esempio di definizione degli spazi tratto da «Campus di Mendrisio. Nuove strategie per il futuro sviluppo paesaggistico del Campus dell'Accademia di architettura» L'incapacità di comprendere il valore storico-artistico, architettonico e paesistico del Parco permette a Municipio e Accademia di ridurlo a terra di conquista e a parcellizzarlo cancellando la memoria storica del progetto dell'arch. Antonio Croci che discende dalla secolare tradizione dei giardini e parchi rinascimentali.

Condividi post
Repost0

Presentazione

  • : Blog di parcodivillaargentina.over-blog.it
  • : salvaguardare il Parco di Villa Argentina (Mendrisio) come bene comune; riflettere sul territorio e sul paesaggio del Mendrisiotto e sulla qualità di vita dei suoi abitanti
  • Contatti